Che cosa ci sarà di bello a Lucca Comics & Games 2015? Siamo a maggio e c’è ancora tempo, ma per in vero il fermentto delle nuove pubblicazioni non può aspettare, e infatti è successo proprio questo ai ragazzi di Serpentarium che hanno deciso di punto in bianco (“Quando le stelle saranno propizie” come dicono loro) di annunciare il loro nuovo GDR.

Per la prima volta Curte e Leo pubblicheranno un ‘altro GDR oltre a Sine Requie; infatti hanno annunciato che avrebbero fondato una nuova casa edistrice tutta loro con la pubblicazione di un nuovi GDR e la continuazione di nuovi manuali del Sine. 

La pubblicazione del nuovo GDR è prevista a Lucca Comics & Games 2015.

Come anteprima i due autori hanno lasciato un immagine e una narrazione di presentazione che trovate qui di seguito: 

 

“Questa città è come una chiazza di vomito abbandonata all’angolo di una strada.
Qui vive gente che è stata cotta, azzannata, masticata, deglutita e poi rigettata nel mondo per un’ultima possibilità.
Credo sia questo che piaccia al Grande Presidente Cthulhu. La capacità degli uomini di scendere sempre più in basso senza mollare mai, trovando mille motivazioni per giustificare una morale sempre più corrotta e abbietta.
E non è che Dagoniani, Ghoul e Mi-Go siano da meno.
Del resto erano considerati dei veri e propri “mostri” prima che il mondo fosse dominato da una divinità aliena così freddamente crudele e sconvolgente che la maggior parte degli esseri umani ha preferito combatterla, togliersi la vita o rifugiarsi nella follia.
Beh, non certo quelli che vivono oggi a R’lyeh.
Chi abita qui, in un modo o in un altro, si è abituato agli Strani Eoni.
Così come lo hanno fatto i “devoti di Dagon” che hanno scelto di adorarlo, o come lo hanno fatto i Ghoul, costretti a vivere in mezzo agli esseri umani: un po’ come se mi facessero vivere tra gli hamburger quando sono ancora polli e manzi.
Dei Mi-Go so poco, tranne che sono la cosa più repellente che abbia mai visto e ancora non mi fido a farmi mettere le chele addosso da loro.
Ecco perché questa città ribolle di violenza, crimine, intolleranza e mistero: in fondo nessuno si fida di nessuno, perché tutti sanno che il loro vicino di casa, per essere arrivato fin lì, deve aver visto, commesso o sopportato cose che sarebbero state considerate atti criminali nel mondo di prima.
È così: tutti sentono il puzzo di vomito di cui sono impregnati i vestiti degli altri.
Per questo amo profondamente R’lyeh: qui non mi annoio mai.”

tratto dal libro “Guida ai monumenti e ai locali di R’lyeh” di Bart Bianchini

 

I commenti non sono mancati; sicuramente l’annuncio ha lasciato tutti di stucco, tra entusiasmi e giuste perplessità. Ma solo a lavoro pubblicato potremmo dare un giudizio equo. 

Quindi, aspettiamoci di tutto!

Fonti delle informazioni: www.gdrzine.comwww.facebook.com/Serpentarium