Gruppo heavy metal demenziale italiano formatosi agli inizi del 2003. Il loro nome fa eco ai famosi gruppi Manowar e Rhapsody of Fire.

Campo di Interesse
Anno di partecipazione
Biografia

Nanowar è l’unica band che ha effettivamente ucciso un drago nell’antica Valle del Gargalord. Anche se la propaganda afferma che Nanowar ha iniziato la sua attività solo nel 2003, molti archeologi sostengono di aver trovato prove innegabili della loro esistenza risalente al 2003 a.C., quando Ozzy aveva solo 3 anni.

Biografia

Nanowar of Steel sono un gruppo heavy metal demenziale italiano formatosi agli inizi del 2003. Tutti gli album e le canzoni della band sono pubblicate sotto Licenza Creative Commons 2.0 BY-NC-SA, che permette il libero utilizzo del materiale per scopi non commerciali. Il nome del gruppo è una parodia congiunta di quelli dei Manowar e dei Rhapsody of Fire i quali, inizialmente chiamati semplicemente Rhapsody (così come i Nanowar avevano il nome costituito da una sola parola), furono in seguito costretti ad aggiungere “of Fire” per problemi di copyright. Negli ultimi anni la band ha dovuto cambiare il proprio nome in Nanowar of Steel, ovviamente non per rovinare Rhapsody of Fire, ma per problemi reali e veri di copyright.

Nel 2013 Gatto Panceri 666, futuro leader del gruppo, registrò il primo demo della band: contenente sei canzoni tra le quali The Only Forest of the True Metal and the Other Heavy Minerals e True Metal of Steel. A febbraio e ad aprile dello stesso anno entrarono nel gruppo Potowotominimak, Uinona Raider, Mohamed Abdul e Sir Daniel che completarono la prima line-up della band, con la quale il gruppo registrò il primo vero demo, Triumph of True Metal of Steel, che, uscito a giugno del 2003, vendette intorno alle 600 copie.

Durante il 2004 la band iniziò a comporre le canzoni che costituirono l’album successivo. L’album Other Bands Play, Nanowar Gay! fu pubblicato a giugno dello stesso anno; contiene canzoni del calibro di Tricycles of Steel (che fa il verso alla canzone Wheels of Fire dei Manowar), Entra L’Uomo Di Sabbia e The Number of the Bitch (cover rispettivamente di Enter Sandman dei Metallica e di The Number of the Beast degli Iron Maiden). 

Nell’aprile del 2006 i Nanowar firmarono un contratto con la casa discografica Mystic Empire per la distribuzione di Other bands Play, Nanowar Gay! in Russia. Ad agosto dello stesso anno i Nanowar hanno partecipato ad un festival internazionale, il Metal Dayz Festival, insieme a gruppi quali Nevermore e Dark Funeral. Nel maggio dell’anno successivo invece gli ora Nanowar Of Steel affrontano la loro prima tournée europea. Durante “Power Of The Power Of The Power Of The Great Tour 2007” infatti si esibiscono in Italia, Austria, Slovenia, Croazia, Serbia, Bulgaria e Grecia. Ad ottobre 2007 ripetono l’esperienza quando con il loro “European Tour Metal Of Steel” i Nanowar suonano in Spagna, Belgio, Paesi Bassi, Germania, Francia, Italia e Svizzera.

Nel 2008 e 2009 i Nanowar lavorano sul loro nuovo album uscito nel 2010 con il titolo Into Gay Pride Ride. Tra il 2010 e il 2014 lavorano su diversi progetti che poi vengono pubblicati.

Stile

Propongono brani caratterizzati da testi demenziali e da un suono che riprende riccamente il power metal e l’heavy metal anni ottanta e ripropongono brani già noti del genere heavy metal, modificandone i testi per trasformarli in parodia. Analogamente parodistici sono il look e l’atteggiamento del gruppo; il nome stesso “Nanowar” è una distorsione di Manowar.

Fra le parodie più note vi sono Master of Pizza (Master of Puppets dei Metallica), Emerald Fork (Emerald Sword dei Rhapsody of Fire, parodizzata anche con la canzone Rap-Sody) e The Number of the Bitch (The Number of the Beast – Iron Maiden) anche se il pezzo più famoso della band risulta essere “Giorgio Mastrota” con oltre due milioni di visualizzazioni su youtube.

 

Per Lucca 2018, presenteranno sul palco eventi (main stage) della fiera il tanto atteso nuovo disco di inediti dal titolo “Stairway To Valhalla” il giorno 31 ottobre alle 18:00.

Elenco Opere
  • True Metal of the World (2003, demo)
  • Triumph of True Metal of Steel (2003, demo)
  • Other Bands Play, Nanowar Gay! (2005, album)
  • Triumph of True Metal of Steel – 2005 True Edition (2005, con aggiunta di brani dal vivo)
  • Made in Naples (2007, album doppio, Edizione Limitata)
  • Into Gay Pride Ride (2010, album)
  • A Knight at the Opera (2014, album)
  • Tour-Mentone Vol.I (2015, album)