E'uno dei fumettisti italiani più conosciuti a livello internazionale, sia per lo stile pulito e impeccabile sia, soprattutto, per la carica sensuale delle protagoniste dei suoi fumetti,

Campo di Interesse
Anno di partecipazione
Biografia

Milo Manara, nato a Luson (Bolzano) il 12 settembre 1945, è uno dei fumettisti italiani più conosciuti a livello internazionale, sia per lo stile pulito e impeccabile sia, soprattutto, per la carica sensuale delle protagoniste dei suoi fumetti, fortemente contraddistinte da un erotismo godereccio e scanzonato, diventato nel corso degli anni uno dei tratti più caratteristici dell’opera dell’autore.


lucca comics milo manara scenaSi diploma a un liceo artistico privato, si trasferisce a Verona dove inizia a lavorare come assistente dello scultore spagnolo Miguel Berrocal e nello stesso periodo s’iscrive alla Facoltà di Architettura a Venezia. Insieme ad altri artisti, durante i movimenti del Sessantotto, contesta in maniera netta la Biennale di Venezia.
Improvvisamente, grazie alla moglie francese di Berrocal, Manara scopre il Fumetto, di cui non era mai stato durante l’infanzia o l’adolescenza un appassionato e viene affascinato dal carattere di produzione in serie del medium, che lo discosta dall’unicità dell’opera d’arte pittorica per apparentarlo molto di più alla letteratura, anche nei confronti del pubblico di massa per l’accessibilità dei prezzi. Manara vede nel fumetto la possibilità di costruire un proprio ruolo nella società, anche grazie a un rapporto con la retribuzione, nel campo editoriale rispetto a quello artistico,  più onesto e aderente alla società, e decide pertanto di provare a cimentarsi con questo linguaggio. È così che debutta alla fine degli anni Sessanta come autore di storie erotico-poliziesche sulla collana “Genius”, e subito dopo in Jolanda de Almaviva, serie sexy di grande successo. Lascia intanto gli studi universitari.

Negli anni Settanta avvia la collaborazione con il “Corriere dei Ragazzi”, dove disegna una serie di fumetti sceneggiati da Mino Milani in cui vengono processati i grandi personaggi storici, La parola alla giuria. Nello stesso periodo, sui testi di Alfredo Castelli e Mario Gomboli, realizza Un fascio di bombe, fumetto sulla strategia della tensione nelle stragi di Stato, da poco ripubblicato in Italia. Subito dopo, assieme a Silverio Pisu, Manara dà vita a Lo Scimmiotto ad Alessio, il borghese rivoluzionario, che segnano il suo debutto nel fumetto d’autore. Collabora con la casa editrice francese Larousse, per cui realizza alcune storie inserite nelle raccolte L’Histoire de France en bandes dessinéesLa decouverte du monde e L’Histoire de la Chine. Da lì in poi la carriera di Manara decolla e l’autore si divide fra il mercato italiano e quello francese.

lucca comics Milo Manara al BGeek 2015Nel 1978 crea il suo primo personaggio di successo e ne sceneggia anche la storia, pubblicata in prima battuta in Francia dalla rivista “(A SUIVRE)”: HP e Giuseppe Bergman, dove HP è un chiaro riferimento al suo maestro e mentore Hugo Pratt, trasformato in uno dei protagonisti del racconto; negli anni a seguire, Manara pubblica altri episodi dedicati a Giuseppe Bergman, che fisionomicamente ha le fattezze dell’autore e di Alain Delon.

È del 1979 L’uomo delle nevi (sceneggiatura di Alfredo Castelli), mentre nel 1980 esce la seconda puntata di Giuseppe Bergman.

Nel 1982 Manara si cimenta col western di Quattro dita (L’uomo di carta). Il 1983 vede invece la pubblicazione di Tutto ricominciò con un’estate indiana, che segna la prima collaborazione con Hugo Pratt, creatore di Corto Maltese. Con Il Gioco, pubblicato a puntate a partire dal 1982, la produzione di Manara si orienta verso l’erotismo tout court. Seguono infatti i pruriginosi Il profumo dell’invisibile (1986) e Candid Camera (1988), con la consacrazione di un nuovo personaggio femminile, Miele. Nello stesso periodo, da un soggetto di Federico Fellini, Manara adatta Viaggio a Tulum (1989), pubblicato su Corto Maltese.

Nel 1991 escono El Gaucho (testi ancora di Pratt) e Il Gioco 2. Del 1992 è la seconda collaborazione con Fellini, Il viaggio di G. Mastorna detto Fernet. Da quel momento, l’attività di fumettista diventa più sporadica e Manara ritorna ai fumetti, in pianta stabile, praticamente solo nel nuovo millennio, con Tre ragazze nella rete, Fuga da Piranesi e la popolare Quarantasei, di cui è protagonista il motociclista Valentino Rossi.

uncanny x force marven milo manara

uncanny x force marven cover milo manara

Dall’inizio degli anni Duemila, Manara lavora al progetto Il pittore e la modella, un viaggio nella storia dell’arte pittorica a partire dal rapporto pittore-modella. Su testi di Alejandro Jodorowsky disegna poi un fumetto sulla casata de I Borgia, in quattro puntate, tra il 2004 e il 2010.
Negli ultimi anni, Manara ha collaborato con alcuni fra i più prestigiosi sceneggiatori a livello internazionale: Jodorowsky (I Borgia), Neil Gaiman (The Sandman: Endless Nights) e Chris Claremont (X-Men: Ragazze in fuga). La sua opera più recente è Caravaggio La Tavolozza e la Spada, prima parte di una straordinaria biografia di Michelangelo Merisi.
Elenco Opere
 

Lavori con soggetto/sceneggiatura di altri autori

Lavori autonomi

 
  • 1969: Genius
  • Giuseppe Bergman:
    • 1978: H.P. e Giuseppe Bergman
    • 1980: Un autore in cerca di sei personaggi
    • 1982: Dies Irae (Le avventure africane di Giuseppe Bergman)
    • 1988: Sognare forse… (Le avventure asiatiche di Giuseppe Bergman)
    • 1999: A riveder le stelle (fumetto)|A riveder le stelle
    • 2004: L’odissea di Bergman (Le avventure metropolitane di Giuseppe Bergman)
  • 1979: Alessio, il borghese rivoluzionario
  • 1981-82: L’uomo di carta
  • 1982: Il gioco – da cui è stato tratto il film Le déclic
  • 1982: Acherontia Atropos
  • 1982: L’ultimo tragico giorno di Gori Bau e Callipigia Sister
  • 1985: «CHARLIE» ovvero «Il diario di Sandra F.»
  • 1985: Il profumo dell’invisibile – da cui è stato tratto il film di animazione Le Parfum de l’Invisible
  • 1988: Candid Camera
  • 1994: Il gioco 3
  • 1996: Gulliveriana
  • 1997: Appuntamento fatale (Ballata in si bemolle)
  • 1998: Il gioco del Kamasutra
  • 1999: L’asino d’oro
  • 2000: Rivoluzione
  • 2000: Tre ragazze nella rete
  • 2001: Il gioco 4
  • 2002: Fuga da Piranesi
  • 2006: Quarantasei (con Valentino Rossi)
  • 2015: Caravaggio. La Tavolozza e La Spada
Presenza negli stand
lucca comics milo manara