Uno dei più influenti fumettisti e sceneggiatori giapponesi degli anni 70-80.

Campo di Interesse
Anno di partecipazione
Biografia

Akira Matsumoto, noto con lo pseudonimo di Reiji (o Leiji), nasce il 25 Gennaio 1938 a Kurume nella prefettura di Fukuaka (nell’isola di Kyushu). Figlio di un pilota di Zero (aerei caccia giapponesi), resterà per tutta la vita attratto dalla guerra in se stessa tanto da diventare un grande collezionista di cimeli e da renderla protagonista di tutte le sue opere.
Inizia a disegnare manga all’età di otto anni; la sua carriera di fumettista inizia nel 1953 quando, a soli 15 anni, vince il premio di miglior fumettista esordiente messo in palio dalla rivista Manga Shonen che gli permette di pubblicare la sua opera Le avventure di un ape (Mitsubachi no bōken). In seguito inizia a lavorare nel settore del fumetto per ragazze, riscuotendo un buon successo.

La prima storia di fantascienza è datata 1961 quando realizza Denko Ozma (Lampo elettrico Ozma). Dell’anno successivo realizza Zero Pilot ambientato nella seconda guerra mondiale. Nel ’67 si dedica a diverse tipologie di storie:  Gohiki no Yojinmo, S no Taiyo (Il sole di S), Akage no Hitotsu (Manto Rosso), Super 99, Sexaroid e Kosoku Esper. Nel frattempo migliora la qualità dei disegni e sopratutto del mecha-design.
Nel 1971 crea uno dei suoi più grandi successi: Otoko Oidon (Io sono un uomo), uno spaccato in chiave umoristica della gioventù giapponese. La storia tratta di un ragazzo che, a causa delle belle donne, non riesce mai a superare gli esami di accesso all’università. 

Il vero successo arriva nel 1074 con la serie Uchu Senkan Yamato (La corazzata spaziale Yamato). Il 1977 lo incorona come grande stella nel firmamento fumettistico giapponese realizzando le quattro opere che gli daranno l’immortalità: Uchu Kaizoku Captain Harlock (Il pirata spaziale Capitan Harlock), Queen Emeraldas, Ginga Tetsudo 999 (Linea ferroviaria galattica 999) e Sennen Jo’o (La regina dei 1000 anni).  Tutte queste serie, che spesso si intrecciano tra di loro attraverso le tematiche, mescolando personaggi e avvenimenti ricorrenti, sono tutte state trasposte in fortunati anime, curati dallo stesso Matsumoto. 
Negli anni ’80 realizza nuove storie a fumetti, legate soprattutto al tema della guerra: Hard Metal (pubblicato nella collana Big Comics) e The Cockpit (edito dalla casa editrice Shogakukan). Successivamente, realizza Yotsu Gen Sekai (Il quarto inizio del mondo) nel quale riprende i temi fantascientifici. 
Reiji Matsumoto è ancora in attività e continua a creare dal suo studio, nel quale vi è una gigantografia della Terra vista dallo spazio, nuove avventure e nuovi eroi.

La curiosa scelta del suo pseudonimo  Reiji è sicuramente legato la tema della guerra: i  kanji  零 (Rei, ‘zero’, ‘mezzanotte’), e 士 (-shi o -ji, ‘gentiluomo’). Il significato accreditato di Reiji sarebbe, dunque, “Samurai di mezzanotte”, oppure “Guerriero Zero”. I kanji vengono però scorrettamente traslitterati in rōmaji come Leiji, anziché Reiji, per volontà dello stesso Matsumoto, per il quale la lettera L rimanda alla parola inglese “lion” (leone).

 

Tra le curiosità di questo autore c’è il fatto che possiede una delle collezioni di fumetti più importanti al mondo, ed è anche autore di un saggio sulla storia dei manga. Ha anche disegnato un orologio Omega ispirato allo spazio, che è stato molto apprezzato dagli astronauti giapponesi. Il governo giapponese ha annunciato la sua premiazione all’Ordine del Sole Nascente, cavalierato di IV classe, nell’autunno del 2010. Nel 2012 presso l’ambasciata giapponese in Francia viene insignito dell’Ordre des Arts et des Lettres, mentre nel 2013 riceve dall’ambasciata cubana a Tokyo un diploma commemorativo per i suoi 60 anni di carriera. Tra le sue varie attività odierne, è professore di Contenuti Multimediali alla Takarazuka University e visiting professor alla Sangro University di Kyoto.

 

 

Per Lucca comics 2018, ci sarà una mostra a lui dedicata intitolata LEIJI MATSUMOTO, Sensei dello spazio  e il maestro sarà presente il 2 novembre per un evento di disegno dal vivo con musica a tema al teatro il Giglio.

Elenco Opere
 

Manga pubblicati in Italia

  • Submarine Super 99 (Sensuikan suupaa 99) (1964), 2 volumi, Goen.
  • Gun Frontier (Gan Furontia) (1972), 3 volumi, Goen.
  • Le mille vite di Mii-kun (Torajima no Miime) (1975), volume unico, Hikari.
  • La corazzata Yamato (Uchuu senkan Yamato) (1975) , 3 volumi, Panini.
  • Capitan Harlock (Uchuu kaizoku Kyaputen Hārokku) (1977), 5 volumi, Panini.
  • Galaxy Express 999 (Ginga Tetsudo 999) (1977), 21 volumi, Panini.
  • Miraizer Ban (Miraizer Vam) (1977), 3 volumi, d/visual.
  • Storie di un tempo lontano (Kaerazaru tori no monogatari) (1977), volume unico, Goen.
  • Queen Emeraldas (Kuiin Emerarudasu) (1978), 4 volumi, Hazard Edizioni.
  • La Regina dei 1000 anni (Sennen Joo) (1980), 3 volumi, d/visual.
  • Racconti dal Bar Miraggio (Shinkiro kitan) (1991), volume unico, Hazard Edizioni.
  • Il mondo quadrimensionale (Yojigen sekai) (1995), volume unico, 001 Edizioni.
  • Danguard A (Fukkokuban Wakusei Robot Danguard A) (1997), 2 volumi, Panini o d/visual.
  • La corazzata spazio-temporale Mahoroba (Chou jikuu senkan Mahoroba) (1998), 2 volumi, Hazard Edizioni.
  • The Shadow Warrior (Jijo Eyuuden) (1999), 2 volumi, Hazard Edizioni.
  • La nuova corazzata Yamato (Shin uchuu senkan Yamato) (2001), 2 volumi, Hazard Edizioni.
  • L’anello dei Nibelunghi (Haarokku Saaga Niiberungu no yubi wa) (2002), 8 volumi, Hazard Edizioni.
  • Capitan Harlock: Dimension Voyage (Kyaputen Haarokku – Jigen koukai) (2014), 3 volumi, Goen.

Anime

  • Uchū senkan Yamato, 26 episodi, ottobre 1974 – marzo 1975.
  • Danguard (Wakusei Robo Danguard Ace), 56 episodi, giugno 1977 – marzo 1978.
  • Corazzata spaziale Yamato (Uchū senkan Yamato), film riassuntivo della serie, agosto 1977.
  • Capitan Harlock (Uchū Kaizoku Kyaputen Hārokku), 42 episodi, marzo 1978 – febbraio 1979.
  • Starzinger (SF Saiyuki Starzinger), 73 episodi, aprile 1978 – agosto 1979.
  • Addio Yamato (Saraba uchū senkan Yamato: Ai no senshitachi), film, agosto 1978.
  • Galaxy Express 999 (Ginga tetsudō 999), 113 episodi, settembre 1978 – aprile 1981.
  • Uchū senkan Yamato 2, 26 episodi, ottobre 1978 – aprile 1979.
  • Yamato: Il nuovo viaggio (Uchū senkan Yamato: Ataranaru tabidachi), film TV, luglio 1979.
  • Galaxy Express 999 – The Movie (Ginga tetsudō 999), film diretto da Rintarō, agosto 1979.
  • Yamato per sempre (Yamato yo eien ni), film, agosto 1980.
  • Uchū senkan Yamato 3, serie di 25 episodi, ottobre 1980 – aprile 1981.
  • La regina dei mille anni (Shin taketori monogatari: Sen-nen joō), 42 episodi, aprile 1981 – marzo 1982.
  • Addio Galaxy Express 999 – Capolinea Andromeda (Sayonara ginga tetsudō 999 – Andromeda shūchakueki), film diretto da Rintarō, agosto 1981.
  • Millennia – La regina dei mille anni (Sen-nen joō), film, marzo 1982.
  • Capitan Harlock: L’Arcadia della mia giovinezza (Waga seishun no Arcadia), film, luglio 1982.
  • Capitan Harlock SSX – Rotta verso l’infinito (Waga seishun no Arcadia – Mugen kidō SSX), 22 episodi diretta da Rintarō, ottobre 1982 – marzo 1983.
  • Yamato, l’ultima battaglia (Uchū senkan Yamato: Kanketsuhen), film, marzo 1983.
  • The Cockpit, 3 OAV di 30 min l’uno, gennaio 1994.
  • Galaxy Express 999 – Eternal Fantasy (Ginga tetsudō 999: Etānaru Fantajī), film, marzo 1998.
  • Queen Emeraldas (Kuiin Emerarudasu), 4 OAV di 30 min l’uno, giugno 1998 – dicembre 1999.
  • Harlock Saga – L’anello dei Nibelunghi (Hārokku Sāga Nīberungu no yubi wa), 6 OAV di 30 min l’uno, gennaio – novembre 1999.
  • Maetel Legend – Sinfonia d’inverno, 2 OAV di 42 min l’uno, settembre 2000.
  • Gun Frontier, 13 episodi, marzo – giugno 2001.
  • Cosmowarrior Zero, 13 episodi (+ 1 non trasmesso, + 2 episodi “Gaiden”), luglio – settembre 2001.
  • Space Pirate Captain Herlock – The Endless Odyssey, 13 OAV diretti da Rintarō, dicembre 2002.
  • Submarine Super 99, 13 episodi, maggio – luglio 2003.
  • Interstella 5555: The 5tory of the 5ecret 5tar 5ystem (インターステラ5555, Intāsutera Fō Faibu), film basato sulle musiche dei Daft Punk, maggio 2003.
  • The Galaxy Railways (Ginga tetsudō monogatari), 26 episodi, ottobre 2003 – aprile 2004.
  • Great Yamato#0 (Dai Yamato Zero-go), 3 OAV, marzo – giugno 2004.
  • Space Symphony Maetel – Galaxy Express 999 Outside (Uchū kōkyōshi Maetel: Ginga tetsudō 999 gaiden), 13 episodi, agosto 2004 – giugno 2005.
  • The Galaxy Railways: Crossroads to Eternity (Ginga tetsudō monogatari: Eien e no bunkiten), 26 episodi, ottobre 2006 – marzo 2007.
  • Ozuma, 6 episodi, marzo 2012 – aprile 2012.
Gallery